Ogni impresa è chiamata a vigilare sulla sicurezza e la salute dei propri collaboratori. Ma nessuno può improvvisarsi responsabile della sicurezza, né tanto meno garantire la stretta osservanza delle leggi senza assicurare la formazione dei propri team. E per questo che Interiman Group ha creato Sécuriman, una nuova società attiva nel campo della formazione continua, della salute sul lavoro e della consulenza in materia di sicurezza nelle imprese. Incontro con il direttore, Pascal Genoud, del Canton Vallese.

La sicurezza e la salute sul lavoro sono cose che lui conosce bene. Dal suo ingresso nel gruppo nel 2003, Pascal Genoud ha sviluppato una particolare sensibilità nei confronti di una questione che riveste un’importanza capitale nel mondo del lavoro in generale e soprattutto nei settori tecnologico, industriale ed edilizio.

Grazie al sostegno della sua direzione, ha intrapreso un percorso di formazione e conseguito quasi dieci anni fa, al termine di un corso di nove mesi, il suo diploma di responsabile della sicurezza CFSL-MSSL. Presso Interiman Group ha quindi sviluppato un polo di competenze specializzate in materia di sicurezza e tutela della salute sul lavoro, diventando l’interlocutore di quelle aziende desiderose di conformarsi alle direttive della Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro (CFSL) e assicurando la formazione dei lavoratori interinali sparsi in tutta la Svizzera romanda.

Audit, consulting e formazione

Oggi, Pascal Genoud intraprende un nuovo passo. Ha infatti assunto la direzione di Sécuriman, il nuovo marchio creato da Interiman Group al fine di offrire prestazioni in materia di formazione continua, salute sul lavoro e consulenza sulla sicurezza. «Per me, che opero in questo campo da sempre o quasi, si tratta di un passaggio logico. Fino ad oggi, ci siamo unicamente concentrati sui dipendenti interinali e sulle imprese in cui li andiamo a inserire. Da adesso in poi, risponderemo ai bisogni di tutte le imprese», dichiara Genoud, sostenuto nella sua missione da Thierry Bonnaz, esperto di e-learning, e Vanessa Lago, assistente amministrativa.   

Nel concreto, Sécuriman articola le sue attività attorno a due poli principali: l’audit e il consulting da un lato, e la formazione in materia di SLTS dall’altro (sicurezza sul lavoro e tutela della salute). «Il datore di lavoro è tenuto per legge a identificare i pericoli, definire le misure di protezione appropriate e valutare i suoi sistemi di sicurezza. E, se vengono rilevati inadempimenti, questi possono divenire oggetto prima di un richiamo all’ordine, poi di una multa anche molto salata. Da qui l’interesse per i servizi di audit che proponiamo nell’ambito di contratti per la sicurezza firmati per una durata minima, grazie ai quali le imprese si premuniscono contro gli infortuni ed evitano multe inutili», spiega Pascal Genoud.

A livello di formazione, Sécuriman soddisfa inoltre un requisito di legge (OPI, art. 6), in virtù del quale il datore di lavoro è tenuto a formare, istruire e informare i collaboratori dei propri team. «In quanto iscritti alla Suva e riconosciuti da Temptraining, il fondo di formazione continua per i lavoratori interinali, i moduli da noi proposti vengono già presi in carico nel quadro del loro contratto. Questi riguardano le materie più varie, come la sicurezza e la salute sul lavoro, la sicurezza per gli addetti alla bonifica dell’amianto o l’ergonomia, le operazioni di primo soccorso o l’utilizzo delle seghe da banco, e si svolgono nelle nostre aule didattiche presenti in tutta la Svizzera o direttamente nei locali dei nostri clienti».

Anche i settori terziario, orologiero, alberghiero e della ristorazione

Se i settori edile, industriale e tecnologico rappresentano oggi gli obiettivi cardine di Sécuriman, Pascal Genoud prevede di estendere progressivamente il raggio delle sue attività. «Oltre a offrire i nostri servizi anche alle imprese che non si avvalgono di collaboratori interinali, puntiamo agli impiegati dei settori terziario, orologiero, alberghiero e della ristorazione, per i quali la questione della sicurezza e della salute sul lavoro rappresentano una sfida fondamentale».

In linea generale, l’obiettivo di Sécuriman e delle imprese che lavorano col nuovo marchio è quello di evitare a tutti i costi drammi umani. Ed è quanto avviene riducendo il numero di infortuni sul lavoro, una delle priorità assolute di Interiman Group a livello nazionale. A tal proposito, Raymond Knigge riportava, alla fine dello scorso anno, nel suo abituale discorso, due numeri rivelatori: tra il 2012 e il 2018, Interiman Group ha praticamente raddoppiato l’importo dei salari versati alle collaboratrici e ai collaboratori incaricati nelle imprese del Paese, mentre il totale dei sinistri coperti dalla Suva ha visto una spettacolare riduzione di oltre il 30%. «Questa è la prova che l’audit, il consulting e la formazione continua ripagano», conclude Pascal Genoud.

  • Condividi questo post