A causa di un calcolo opaco dei premi, delle riserve eccessive, dei costi amministrativi difficilmente giustificabili e di una flagrante mancanza di collaborazione con i propri clienti la SUVA è oggetto di critica. Interiman Group invita il Consiglio federale ad approvare la libera concorrenza rispetto ad una SUVA superata e propone soluzioni alternative.

Losanna, 24 ottobre 2019 – La SUVA respinge sistematicamente le ordinanze del Tribunale federale delle assicurazioni (TFA) e rifiuta di essere sottoposta a revisione contabile da parte del Dipartimento federale delle finanze. Non è in linea con gli standard abituali in materia di trasparenza e delle riserve. Tutto ciò rivela un modello obsoleto e disfunzionale basato su una situazione di monopolio malsano.

“Denunciamo questa situazione insostenibile e invitiamo il Consiglio federale, in quanto capo diretto della SUVA, ad agire rapidamente”, afferma Raymond Knigge, fondatore e presidente di Interiman Group.

Riserve da accantonamenti eccessivi. La SUVA dispone di riserve di patrimonio pari a CHF 51,8 miliardi, di cui CHF 36,28 miliardi per le riserve tecniche e CHF 9,2 miliardi per le riserve d’investimento. Le sole riserve tecniche coprirebbero l’equivalente dei danni del 2018 per i prossimi 8,56 anni. Secondo l’articolo 54 dell’ordinanza sulla sorveglianza, le riserve tecniche non più necessarie devono essere sciolte.

“Con le sue riserve, la SUVA non rispetta i principi fondamentali di conformità dei materiali, della conformità ai rischi di incidenti e della parità di trattamento”, ha commentato Raymond Knigge.

Lo stesso vale per gli accantonamenti per le prestazioni a breve termine, che sono limitati a un anno. Con un accantonamento di CHF 8,87 miliardi per spese pari a CHF 2,77 miliardi, la SUVA dispone di una eccedenza di riserve di CHF 6,1 miliardi, che potrebbe essere utilizzata per coprire i prossimi 3,2 anni.

Calcolo opaco dei premi. “Prendiamo l’esempio di Interiman Group: nonostante l’aumento del totale dei salari e una significativa diminuzione proporzionale del numero di incidenti sul lavoro, i costi dei premi sono aumentati del 51,9% dal 2012. La SUVA ci ha imposto un aumento costante e ingiustificato delle sue tariffe. E nonostante gli ordini del TFA di fornire i chiarimenti necessari, la SUVA si rifiuta ancora di fornire spiegazioni”, aggiunge Raymond Knigge.

Costi amministrativi eccessivi. Nel 2011 e 2014 il Consiglio d’amministrazione della SUVA ha deciso che i tassi si situano tra il 6,75% e il 12,5% per gli incidenti sul lavoro e tra l’8,75% e il 14% per gli incidenti non professionali. Questo intervallo percentuale non tiene conto dell’effetto dell’efficienza della scala e del metodo di calcolo caso per caso. Esso non tiene conto neppure della proporzione dei danni rispetto alla massa salariale globale.

“Da oltre 6 anni chiediamo alla SUVA, sulla base della legge sulla trasparenza, di spiegare come calcola i premi, gli interessi e i costi amministrativi, ma non è stata ancora fornita alcuna risposta”, continua Raymond Knigge.

Un modello alternativo che ha dimostrato il suo valore. Sulla base dell’esperienza positiva della liberalizzazione del mercato telefonico in Svizzera, Interiman Group ritiene che l’apertura alla concorrenza sia un’alternativa auspicabile. Tuttavia, alcune regole devono essere rispettate:
• Assicurare che il premio pagato dai dipendenti non superi i tassi attuali dello 0,6% allo 0,9% per non peggiorare la situazione attuale;
• Stabilire e rispettare norme chiare e rigorose in materia di governance e trasparenza;
• Invece di spendere molti soldi in campagne pubblicitarie, cosa difficile da giustificare in una situazione di monopolio, la SUVA assegna una percentuale – da definire – dei premi ricevuti per attuare misure preventive reali implementate da una società indipendente.

“La SUVA viola il principio di buona fede su cui si basano le nostre leggi attraverso il suo rifiuto sistematico di rispettare le disposizioni del TFA, attraverso il blocco dell’autorizzazione alla revisione contabile da parte del Dipartimento federale delle finanze e dal mancato rispetto di standard soddisfacenti di trasparenza e delle norme precauzionali. Questo deve cambiare”, conclude Raymond Knigge.

  • Condividi questo post